Sono sempre Bixby, lo stesso!

0

Era marzo, quando vi parlammo per la prima volta di Bixby, l’assistente vocale a cui “chiedevamo” il motivo per il quale potesse essere differente rispetto agli ormai molti assistenti virtuali che è possibile trovare su smartphone, tablet e computer. Terminavamo l’articolo con una frase abbastanza pessimista che però anche col senno di poi, risulta essere maledettamente azzeccata:

Non ci resta quindi che aspettare di poterlo provare per darvi le nostre impressioni, sperando che il supporto per la lingua italiana anzitutto arrivi, e anche in tempi rapidi.

Immagine: Verge

Cosa è accaduto in questi mesi? Beh, l’assistente vocale non solo non è mai arrivato in Italia, ma dopo il rilascio della versione in coreano, l’azienda sta trovando parecchie difficoltà non solo a renderlo rivoluzionario rispetto agli altri, ma persino a renderlo perlomeno funzionale al pari degli altri. Bixby Voce, infatti, non è stato ancora distribuito in lingua inglese nonostante i piani iniziali dell’azienda prevedessero di occuparsi “dopo la primavera” della parte anglofona, lasciando alla fine dell’anno altre lingue come l’italiano.

Invece, è proprio il caso di dire: “che fretta c’era, maledetta primavera”, che è ormai passata lasciando il giusto spazio ai caldi estivi, portando nelle mani dei possessori di Galaxy S8 e S8 Plus, solo un tasto fisico a detta di molti scomodo e inutile perché spesso azionato accidentalmente, e una beta per la lingua inglese avviata una settimana fa che sembra avere problemi anche con la risoluzione di quesiti di semplice natura e addirittura dimostra difficoltà nella comprensione dei più canonici accenti inglesi al contrario invece dell’ottimo lavoro svolto da Cortana, Google Assistant e Siri.

Poche risorse sul progetto, localizzazioni in lingue diverse dall’inglese completamente saltate (al punto che la pagina Bixby in Italia è stata modificata come potete voi stessi vedere qui menzionando solo l’inglese) e ritardi a questo punto quasi ingiustificabili rendono difatti la presentazione in pompa magna dell’assistente vocale una sorta di parodia. Sarebbe stato sufficiente “volare più basso”, sia nelle dichiarazioni rilasciate ancor prima del lancio di S8, sia nelle scelte durante il keynote di presentazione. Altra cosa che da piccolo osservatore avrei quantomeno evitato, era la scelta di un tasto fisico (per giunta in una posizione discutibile quale è quella prossima al bilanciere del volume) che effettivamente ad oggi crea più disagi che altro.

Probabilmente la cosa più triste in tutta questa vicenda è che nessuno di noi ci ha guadagnato nulla se non promesse per il momento non mantenute. Per il momento, sottolineo, perché la speranza di poter sentire un giorno: “Parlami ancora adesso, sono sempre Bixby lo stesso”, vogliamo mantenerla.

Condividi.

Informazioni sull'autore

Scrivi un commento